EDUCatt - Ente per il diritto allo studio dell'Università Cattolica

Link funzionali

Accessibilità
Contatti
English

Menù istituzionale

 

DOCENTI

 

SEDI

I-catt

Libri - Soluzioni e strumenti

Presentazione del volume

 


La copertinaOVADIA M. - SALVIONI G., CONTRO IL RAZZISMO . PER IL BENE E PER IL DIRITTO ALLE DIFFERENZE. CON DVD, 2012, 92 pp., Euro 5

«L’unica razza che conosco è quella umana» scriveva Einstein ed è un concetto così ovvio che purtroppo rischia di essere dimenticato. In occasione della Giornata della memoria (27 gennaio) dal corso di Antropologia della prof.ssa Giovanna Salvioni nasce l’iniziativa Contro il razzismo: per il bene e per il diritto alle differenze con la collaborazione di Moni Ovadia.
Si tratta di una raccolta di documenti la cui lettura vuole far ricordare ciò che ha permesso e permette purtroppo ancora oggi di dividere l’umanità in settori, di fare graduatorie dal meno al più, di includere o escludere, nutrendo il disprezzo e l’odio. Dalla definizione dei Codes noirs di Luigi XVI fino al Manifesto della razza, passando dalla lettura di leggi che hanno condotto gli ebrei all’Olocausto – che ancora oggi qualcuno si ostina a definire grossolanamente “falso storico” – fino all’apartheid e agli ultimi recenti fatti di cronaca mondiale.
Una raccolta che fa riflettere anche sui passi positivi compiuti dall’umanità allegando documenti quali la Dichiarazione Universale dei Diritti Umani.
Il libro, distribuito gratuitamente da EDUCatt dal 27 al 31 gennaio, è acquistabile con un dvd allegato che nella prima parte raccoglie alcune immagini della Shoah commentate da Moni Ovadia e l’intervista del regista a Liliana Segre, deportata dal Binario 21 della Stazione Centrale di Milano e testimone della tragedia. La seconda parte raccoglie inoltre alcuni documenti sul razzismo di particolare rilievo, come le immagini dei linciaggi di afroamericani del 1881; ma anche orrori a noi più vicini come il pestaggio di Rodney King e alcuni spezzoni dei telegiornali che hanno raccontato il rogo del campo Rom a Torino e l’omicidio dei senegalesi a Firenze, eventi recentissimi che valgono la lettura del capitolo conclusivo del volume: Sei buoni motivi per essere antirazzisti.
La Giornata della memoria è un’ottima occasione per la riflessione e per prendere coscienza che il pericolo del razzismo non è cessato e che ci sono principi che non hanno religione o razza, come ci ricorda Moni Ovadia: «Amerai lo straniero. È forse il più importante dei comandamenti perché [...] sempre immediatamente al suo fianco compare il sigillo dell’ineffabile Nome dell’Eterno. È la parola stessa del Santo Benedetto ad affermare il valore assoluto di questo principio nel Levitico: “Davanti a me siete tutti stranieri”».

Ordina :: Indietro :: In cima :: Tutte le presentazioni

Bacheca