EDUCatt - Ente per il diritto allo studio dell'Università Cattolica

Link funzionali

Accessibilità
Contatti
English

Menù istituzionale

 

DOCENTI

 

SEDI

I-catt

Libri - Soluzioni e strumenti

Presentazione del volume

 


La copertinaPREZIOSI ERNESTO (A CURA), LE RADICI FRANCESCANE DELL'UNIVERSITA' CATTOLICA, 2003, 164 pp., Euro 9,5

Questo libro non È semplicemente una raccolta di relazioni intorno a un titolo, sebbene così significativo come Le radici francescane dell’Università Cattolica, È piuttosto un libro-simbolo che vede la luce proprio in quest’anno in cui si ricorda il primo centenario dell’ingresso di Gemelli nell’Ordine francescano. Una testimonianza, oppure, se si vuole, un ritratto della storia in fieri della nostra Università, dai primordi ai nostri giorni. Nella sua articolata composizione si incrociano notizie, memorie, temi noti e meno noti, richiami antichi e nuovi che appunto hanno tessuto e tessono a tutt’oggi la preistoria e la storia di una grande istituzione educativa e scientifica. La quale ha in p. Gemelli la pietra angolare, un principio e al tempo stesso lo sfocio di un’impresa che ha segnato e segna un momento della coscienza e della forza organizzativa dei cattolici italiani desiderosi di avere la propria Università.
[...] Ci troviamo di fronte ad un quadro che delinea e divulga la fisionomia di una grande idea, cui corrisponde una altrettanto grande fondazione. Questa, posta al servizio dell’intelligenza e della scelta formativa, si incentra sul destino delle nuove generazioni e sul loro inserimento nella società, mediante lo studio e le susseguenti responsabilità professionali, alla luce della fede cristiana. Il quadro prende avvio dalle Radici della Cattolica con due saggi l’uno tracciato da monsignor Carlo Ghidelli sul ‘carisma’, certo irripetibile, di p. Gemelli, ma indubbiamente fecondo di evidenti risultati. L’altro saggio, di Nicola Raponi, riferisce con la sicurezza dello storico, sulle origini che formano la preistoria dell’Istituzione, la quale avrà in Gemelli la sua forza propulsiva, ancorata al ‘suo’ francescanesimo, che ne sarà anima e sigillo.
Dal nerbo di queste due relazioni si snodano una serie di interventi più particolari, che mettono bene in rilievo motivi e rapporti dell’Università con i coevi movimenti e altre figure di protagonisti. Tra le quali spiccano Lodovico Necchi, Armida Barelli, Maria Sticco, a conferma del valore e della creatività dello spirito francescano che in loro si incarna.
Un quadro, a tutto tondo, che servirà a far conoscere meglio, specialmente ai giovani, la genesi, lo sviluppo e l’autentico volto dell’Università nell’ampio e complesso orizzonte storico che si estende da fine Ottocento e a tutto il Novecento, fino all’inizio dell’attuale nuovo millennio.
(dalla Presentazione di p. Francesco Mattesini)

Ordina :: Indietro :: In cima :: Tutte le presentazioni

Bacheca