EDUCatt - Ente per il diritto allo studio dell'Università Cattolica

Link funzionali

Accessibilità
Contatti
English

Menù istituzionale

 

DOCENTI

 

SEDI

I-catt

Libri - Soluzioni e strumenti

Presentazione del volume

 


La copertinaCONTI CAMAIORA LUISA, HOPKINS'S TERRIBLE SONNETS: A COMMENTARY, 2011, 106 pp., Euro 6

La poesia di Gerard Manley Hopkins (Stratford, 28 luglio 1844) è il prodotto di una costante interazione di due vocazioni: quella del sacerdote e quella del poeta. La sua vocazione di sacerdote si manifesta nella totale dedizione a Dio, nell’adesione completa alla regola gesuita di Sant'Ignazio, nel lavorio continuo su di sé che fa i conti anche con momenti di dubbi e incertezze sul proprio merito personale. La sua vocazione di poeta lo spinge a manifestare una sensibilità intensa, nutrita di un grande amore per la bellezza divina: la tensione spirituale, il sentimento d'inadeguatezza dell'essere umano nell'esprimere gli ineffabili aspetti di una divinità che si nasconde e che può essere colta solo mediante intuizione mistica si declinano nei suoi versi. Un sacerdote-poeta dunque, che ha vissuto in una continua interazione l’identità sacerdotale e la suaindividuazione poetica. L’esegesi della prof.ssa Luisa Conti Camaiora ai “Terrible sonnets” ci svela le implicazioni di questa dualità e quanto lo strumento poetico sia stato fondamentale per Hopkins nel raggiungimento di una comprensione profonda della propria identità e di una più profonda conoscenza dell'esistenza umana. Una vocazione che lo ha portato a essere un grande sperimentatore e innovatore del linguaggio poetico, ricco di arditezze verbali e sintattiche.

Ordina :: Indietro :: In cima :: Tutte le presentazioni

Bacheca