EDUCatt - Ente per il diritto allo studio dell'Università Cattolica

Link funzionali

Accessibilità
Contatti
English

Menù istituzionale

 

DOCENTI

 

SEDI

I-catt

Libri - Soluzioni e strumenti

Presentazione del volume

 


La copertinaAA.VV., BEIJING - LE PAROLE DELLO SPORT. LESSICO ITALIANO - CINESE - INGLESE DEGLI SPORT OLIMPICI, 2008, 140 pp., Euro 9

«Beibei jingjing huanhuan yingying nini!
Benvenuto a Beijing!»

Questo ritornello, declamato come una filastrocca per bambini, combina in modo creativo i nomi delle cinque mascotte in un invito a partecipare alle Olimpiadi “Beijing 2008”. La simbologia gioiosa delle piccole mascotte, icone della cultura tradizionale cinese, intende accogliere i visitatori alla festa dello sport moderno rammentando loro la continuità millenaria della civiltà cinese. È con questo spirito che si presentano le prime Olimpiadi della Repubblica Popolare Cinese, della Cina fenomeno dell’economia mondiale negli ultimi decenni: la magnificenza di uno splendido passato imperiale che vuole essere rievocato nella imponente costruzione di una nazione moderna.
Anche le parole dello sport che sono qui illustrate, accanto alla immediatezza della resa in cinese di termini universalmente noti in altre lingue, rievocano contenuti propri della cultura e del pensiero di questo paese.
Questo testo, infatti, non È solo diretto allo studente di lingua che si avvia verso Beijing 2008, È finalizzato anche a coloro che sono interessati, sia pure in modo indiretto, all’evento, a decifrarne i contenuti, attraverso l’interpretazione dei segni, delle immagini, e quindi anche delle parole che li esplicitano.
Per questo non sono riportati solo termini agonistici tradotti in cinese, ma anche richiami culturali che si propongono di rendere comprensibile quello che probabilmente È il messaggio mediatico più significativo veicolato dall’avvenimento sportivo: la Cina, i paesi dell’Asia dalla crescita economica senza precedenti nella loro storia, invitano ad essere conosciuti anche e soprattutto per il contributo di civiltà e di creatività che hanno reso allo sviluppo umano. La ricerca delle vie e delle modalità più costruttive e meno traumatiche per continuare a fornire tale contributo È forse l’impegno maggiore che la società cinese dei nostri giorni È ora chiamata ad espletare.
Anche questo ci auguriamo possa essere Beijing 2008.
(dalla Presentazione al volume, di G. Merchionne)

Il volume È stato curato dall'Istituto Confucio dell'Università del Studi di Napoli "L'Orientale" in collaborazione con l'Università Cattolica.

Progetto e coordinamento: Maurizia Sacchetti
lessico: Francesca Turato e Grazia Giannone
supervisione lingua cinese: Tang Jianmin e Tang Xu
esercizi linguistici: Tang Xu

Ordina :: Indietro :: In cima :: Tutte le presentazioni

Bacheca